martedì 21 maggio 2013

Conosciamo i binomi: Apollo e Luca !

1- Come nasce la tua passione per la Rally O.?

 

La mia passione per questa disciplina nasce nel dicembre del 2011 quando ho disputato la mia prima gara con Apollo.

Quello che mi ha particolarmente colpito, è il clima che si respirava tra i concorrenti (noi eravamo gli ultimi arrivati ma era come se fossimo sempre stati parte di quel “gruppo”).

Gara dopo gara, anzi domenica dopo domenica, il mio interesse per la Rally O. è aumentato sempre di più, da una parte c'è la voglia di migliorarsi (più si riesce ad essere calmi e precisi

migliori sono i risultati), dall'altra la voglia di passare una giornata divertente tra amici a parlare di cani, condividere esperienze, scambiarsi consigli, ridere e scherzare anche degli errori fatti in gara.

 

2- In che modo ti alleni e cosa consigli a chi ha appena iniziato a praticare la Rally O.?

 

Alcune volte simulo un percorso di gara utilizzando i cartelli, altre volte in un normale allenamento inserisco alcuni esercizi.

 

Quello che posso consigliare a chi ha appena iniziato a praticare questa disciplina è allenarsi in maniera costante, ascoltare i consigli dati dai giudici dopo la gara (spesso presi dall'emozione non ci si rende conto degli errori commessi), evitare addestramenti estremi e non scoraggiarsi quando non si ottengono i risultati sperati.

 

3-Apollo quando entra nella tua vita?

 

Apollo è entrato a far parte della famiglia a settembre del 2007.

Non ci siamo scelti (è stato un regalo) ma sono stato subito conquistato dal suo temperamento vivace dalla sua curiosità e dalla gran voglia di scoprire!

 

4-Quali obiettivi hai per il futuro?

 

Continuare a gareggiare e migliorare sempre più; diffondere il più possibile questa disciplina divertente e adatta a tutti che, rafforza il rapporto uomo/cane anche nella vita quotidiana.

 

5- Secondo te ci sono degli aspetti della Rally O. che possono essere migliorati?

 

Sicuramente, come in qualsiasi altra disciplina, ci sono alcuni aspetti che potrebbero essere migliorati.

Mi piacerebbe diversificare i gradi G2 e G3 creando gradi ed esercizi diversi.

Per esempio suddividere la G2 in due parti : la G2A con la condotta con o senza guinzaglio con inserimento solo di alcuni esercizi; la  G2B con la condotta senza guinzaglio con inserimento di tutti gli esercizi. Anche la G3 potrebbe essere migliorata aggiungendo degli esercizi.

Sarebbe inoltre opportuno che durante le gare i cartelli fossero sempre ben visibili (spesso vengono appoggiati a coni o supporti troppo bassi o a terra).

 

Nessun commento: