sabato 6 maggio 2017

A Totò

A 50 anni dalla morte dell'attore, principe della risata, Antonio De Curtis in arte Totò, vogliamo ricordarlo con una poesia da lui scritta, dedicata al suo cane Dick, un pastore alsaziano (tedesco) uno dei tanti cani amati, cresciuti e accuditi durante la sua vita. Un amore per i cani da portarlo a rilevare un canile trasformato in casa di riposo per cani sulla via Boccea a Roma arrivando ad ospitarne circa 220.

Dick

Tengo 'nu cane ch'è fenomenale,
se chiama "Dick", 'o voglio bene assaie.
Si perdere l'avesse? Nun sia maie!
Per me sarebbe un lutto nazionale.Ll 'aggio crisciuto comm'a 'nu guaglione,
cu zucchero, biscotte e papparelle;
ll'aggio tirato su cu 'e mmullechelle
e ll'aggio dato buona educazione.
Gnorsì, mo è gruosso.è quase giuvinotto.
Capisce tutto... Ile manca 'a parola.
è cane 'e razza, tene bbona scola,
è lupo alsaziano,è polizziotto.
Chello ca mo ve conto è molto bello.
In casa ha stabilito 'a gerarchia.
Vo' bene ' a mamma ch'è 'a signora mia,
e a figliemo isso 'o tratta da fratello.
'E me se penza ca lle songo 'o pate:
si 'o guardo dinto a ll'uocchiemme capisce,
appizza 'e rrecchie, corre, m'ubbidisce,
e pe' fa' 'e pressa torna senza fiato.
Ogn'anno, 'int'a ll'estate, va in amore,
s'appecundrisce e mette 'o musso sotto.
St'anno s'è 'nnammurato 'e na basotta
ca nun ne vo' sapè: nun è in calore.
Povero Dick, soffre 'e che manera!
Porta pur'isso mpietto stu dulore:
è cane, si ... . ma tene pure 'o core
e 'o sango dinto 'e vvene... vo 'a mugliera...

 Totò

Dick

Ho un cane che è fenomenale,
si chiama “Dick”, gli voglio tanto bene.
Se dovessi perderlo? Giammai!
Per me sarebbe un lutto nazionale.

L’ho cresciuto come un figlio,
con zucchero, biscotti e pappette;
L’ho tirato su con le mollichette
E gli ho dato una buona educazione.

Si signore, adesso è grosso è quasi un giovanotto.
Capisce tutto…  Gli manca la parola.
E’ un cane di razza, ha una buona scuola,
è un lupo alsaziano, è poliziotto.

Quello che ora vi racconto è molto bello.
In casa ha stabilito la gerarchia.
Vuole bene alla mamma che è mia moglie,
e a mio figlio che tratta da fratello.

E di me si pensa che gli sono padre:
se lo guardo dentro gli occhi mi capisce,
drizza le orecchie, corre, mi ubbidisce,
e per far in fretta torna senza fiato.

Ogni anno, in estate, va in amore,
s’ immalinconisce e mette il muso sotto.
Quest’anno si è innamorato di una bassotta
che non vuole saperne: non è in calore.

Povero Dick, soffre e in che modo!
Porta pure lui nel petto questo dolore:
è un cane, si … . ma ha pure un cuore
e il sangue nelle vene … vuole una moglie … 

Totò

traduzione di Francesco Cosentini

Nessun commento: